XXIII Congresso nazionale del collegio dei docenti universitari di discipline odontostomatologiche: l’appropriatezza in odontoiatria

Si è concluso il 23° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari di discipline Odontostomatologiche, che si è svolto a Roma dal 14 al 16 aprile presso il Grand Hotel Parco dei Principi di Villa Borghesee ha visto la partecipazione di oltre tremila partecipanti tra professori, ricercatori, odontoiatri e specialisti del settore.                                                                                                                                                             “Choosing wisely” ovvero un percorso per l’appropriatezza in odontoiatria è stato il tema conduttore dell’incontro che si inserisce in un vasto movimento internazionale che nasce dal coinvolgimento delle società scientifiche che si sono impegnate a definire l’efficacia, l’efficienza, l’equità e la necessità clinica delle diverse prestazioni mediche.In quest’ottica, anche il congresso si è posto l’obiettivo di contribuire a delineare l’appropriatezza delle diverse procedure odontoiatriche, per rispondere non solo a una necessità clinica, ma soprattutto a un’esigenza scientifico-formativa rivolta ai giovani odontoiatri.La scelta dell’appropriatezza come tema ispiratore assieme a quello del digitale pone le sue premesse sulla stima dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, secondo cui si aggirerebbe tra il 20 e il 40% la percentuale della spesa sanitaria costituente spreco per inefficiente utilizzo delle risorse. Stima che appare verosimile anche per l’Italia.

All’altro grande tema, il digitale, definibile anch’esso in sé una “wise choice”, il congresso ha dedicato un intero simposio “Full Digital Dentistry” organizzato in collaborazione con la Digital Dentistry Society (DDS), con dimostrazioni che hanno evidenziato la sempre maggior rapidità d’intervento, l’alta precisione, la personalizzazione delle cure e, in definitiva, la riduzione dei costi, anche se magari a lungo termine. A sottolineare le positività della rivoluzione digitale in corso, è la coscienza, abbastanza condivisa, dell’ineluttabilità, nel tempo, di tale “rivoluzione”, specie in ambito odontoiatrico.

E’ stata altresì tenuta una lectio magistralisdi grande respiro storico-scientifico dal titolo “Applicazioni di metodologie avanzate per lo studio della dentatura umana, le nuove frontiere nelle ricerche di paleoantropologia e paleobiologia umana” svolta dal Prof. Alfredo Coppa, ordinario dell’Università “La Sapienza” e paleoantropologo di fama internazionale con la collaborazione di Emanuela Cristiani dell’Università di Cambridge i qualihanno illustrato quanto le nuove tecnologie possano essere funzionali alla conoscenza del passato oltre che strumento indispensabile per il progresso presente e futuro e quindi come con l’uso di tecnologie avanzate si possa risalire alla dentatura dei progenitori, con ricostruzioni tridimensionali di denti, di otturazioni e mandibole, di prestazioni odontoiatriche avvenute migliaia di anni fa, traendone spunti per meglio conoscere la loro storia, dell’odontoiatria e quella della medicina in generale.

Di grande interesse è stato poi il corso base, organizzato nell’ambito della 2°edizione Phd Day di Oral Sciences, evento che ha voluto caratterizzare accademicamente il congresso sottolineando il ruolo centrale del dottorato di ricerca, in cui professori e odontoiatri più esperti hanno illustrato ai giovani ricercatori odontoiatri in formazione la metodologia della ricerca clinica, spaziando dagli studi osservazionali, ai trial clinici, alla simulazione sul come si imposta e si realizza una revisione sistematica.

Nel solco della tradizione anche quest’anno i simposi delle scuole di specializzazione in Chirurgia Odontostomatologica e in Ortognatodonzia hanno visto gli allievi impegnati nell’esposizione dei principali temi di ricerca affrontati nel loro corso di studi in un confronto dinamico e costruttivo.                                                                                                                                                                                                                 Sono stati dedicati anche ampi eventi agli igienisti dentali e agli assistenti di studio odontoiatrico e, in collaborazione con l’Associazione Italiana Assistenti Studio Odontoiatrico (AIASO), è stato affrontato il ruolo dell’assistente nel moderno studio odontoiatrico, attraverso una disamina delle conoscenze e delle competenze funzionali alle diverse specialità cliniche anche alla luce dell’emanando profilo professionale.

La sessione Poster, che quest’anno ha raccolto oltre 500 contributi scientifici, da sempre testimonia l’entusiasmo e la vivacità culturale dei futuri odontoiatri, offrendo loro l’opportunità di presentare e discutere la ricerca e casistica clinica delle diverse scuole universitarie italiane, i cui abstract, sono stati pubblicati nel supplemento online del numero di aprile della Rivista Minerva Stomatologica, indicizzata su Scopus. I contributi migliori per innovazione e metodologia della ricerca saranno pubblicatiin extenso sulla rivista nei mesi successivi.

Interessante anche la mostra merceologica dove circa 200 aziende hanno presentato le novità in tema di attrezzature e materiali attraverso propri workshop e dimostrazioni pratiche in diretta. Anche la merceologia è un momento fondamentale nella formazione dell’odontoiatra consentendo di essere aggiornato su quanto di meglio l’industria ha realizzato per curare i pazienti. Essere aggiornati su temi merceologici vuole anche dire essere in grado di rimanere all’avanguardia sul mercato combattendo crisi e concorrenza con la qualità.

In conclusione la XXIII Edizione del Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari di discipline Odontostomatologiche ha voluto, attraverso la fattiva collaborazione e il sinergismo di docenti, relatori, aziende, stimolare il confronto scientifico tra gruppi di ricerca universitari e libero professionali e rappresentare un momento di aggregazione e di crescita sia per la ricerca che per la professione. L’appuntamento per l’edizione 2017 sarà a Milano dal 6 all’8 Aprile, dove si prevede già un grande numero di iscritti.

                                                                                                                                                                                                                    Dott. Salvatore Privitera

 

 

Commenti